La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Un Sindaco per Termoli: c'è "Marone" nel centro destra? - myNews.iT
Primarie Sindaco Centro Sinistra: confronto tra i 5 candidati - myNews.iT
Un Sindaco per Termoli, Simone Coscia - myNews.iT
NCD: "Sindaco Termoli, Primarie o corriamo da soli" - myNews.iT
Un Sindaco per Termoli, Antonio D'Ambrosio - myNews.iT
Termoli, pulizia spiaggia sotto le mura del Borgo - myNews.iT
Un Sindaco per Termoli,Oscar Scurti - myNews.iT
Remo Di Giandomenico: "Termoli una città sotterrata" - myNews.iT
Patto tra Coscia e Marinucci: niente candidati del centrodestra in lista - myNews.iT
Sindaco WiP: Basso BiKe - myNews.iT
Inglesi sbarcano a Termoli - myNews.iT
Nicola Di Michele: un Sindaco in MoVimento - myNews.iT
Un Sindaco per Termoli, Paolo Marinucci - myNews.iT
Roberti:"Questo Molise può ripartire se riparte Termoli" - myNews.iT
Prima giornata della donna in ostetricia - myNews.iT
Un Sindaco per Termoli, SeL candida Simone Coscia - myNews.iT
Un Sindaco per Termoli, Antonio Russo: "W le Primarie" - myNews.iT
Di Brino: «Contro di me un complotto ordito di notte» - myNews.iT
Lungomare Nord: sarà il nuovo salotto della città - myNews.iT
Caso BioCom, parla il Sindaco di Termoli - myNews.iT
Cécile Kyenge in Molise - myNews.iT
Scritto da Ferruccio Maria Fata    Martedì 15 Marzo 2011 10:37    Stampa
Nelle Isole Tremiti la Vita sta cambiando per la Sopravvivenza
Isole Tremiti - Politica Tremiti

Coppia di Gabbiani (foto C.L.Smoke)ISOLE TREMITI _ Se è vero che l’esperienza insegna, questo potrebbe rivelarsi l’attimo capace di rendere i tremitesi finalmente consapevoli della necessità di una scossa benefica. Segnatamente in seguito alla caduta del Sindaco, la popolazione avverte il richiamo ad una necessità non più procrastinabile imposta dal desiderio di aprire l’orizzonte a visioni di luminoso progresso
Mi permetto qui di esprimere una calda speranza. Ora devono profilarsi figure nobili, capaci, animate da generoso istinto di eroica dedizione. Non è più il tempo per ipotetici furbastri, imbonitori da mercatino, incantatori avidi, cacciatori di privilegi, accaparratori del potere. Sappiamo che su Tremiti vivono anche individualità straordinarie dall’animo schietto, dotate di qualità notevoli, orientate all’idea prioritaria del bene comune.

In tale contesto, auspicherei (non in politica, ma nella vita) la nascita di una nuova maggioranza che possa mostrarsi coesa nel creare progetti di generale utilità, anche a dispetto delle insidie. Infatti la precarietà delle contingenze potrebbe presentare d’altro canto attrattive ghiotte per una minoranza, pur sempre sparuta, di occasionali affaristi indulgenti alle comode attrattive di una  facile speculazione. Se fino a qualche tempo addietro era di quotidiano rilievo assistere a tante contese di ordine economico, ideologico, politico, allo stato attuale i sintomi del cambiamento sono avvertibili nell’atmosfera. La frattura fra le principali fazioni politiche si era fatta via via sempre più profonda, tanto da renderne la fattispecie pressoché insanabile, anche perché all’interno delle stesse germogliavano di continuo parecchie frange reciprocamente antagoniste, governate da malanimo astioso. Adesso, pur nell’emergere di un cauto ottimismo, si percepisce ancora l’incombere di un pericolo, riconducibile alla consapevolezza (da me più volte rilevata) che il principio ispiratore atteso da questa gente discenda generalmente dall'attenzione primaria di ciascun individuo per il proprio interesse spicciolo.

Al tempo stesso non possiamo tuttavia rinnegare un pregio che ha sempre motivato la solidarietà di cui è capace questa comunità davvero sorprendente per operosità, ingegno e  sacrificio.  Al di là dei commenti pessimisti, chi ne conosce le doti, non ha mai abbandonato la speranza di vedere superata quella superficiale debolezza di molti tremitesi. La ragione riesce finalmente a pilotare l’istintivo attaccamento del cittadino agli utili del proprio lavoro, facendone confluire  gli effetti nella consapevole individuazione dei frutti connessi all’eventuale coesione delle varie forze  produttive. Non si può dubitare che una rinnovata impostazione intellettuale nel senso suddetto andrebbe a tradursi in progressivi vantaggi propulsori a loro volta di evoluzione civile ed economica. E’ certo al tempo stesso come la maturazione di tanti effetti benefici scaturirebbe da cambiamenti realizzabili nello specifico pur lasciando praticamente intatte le risorse  dei singoli e il loro rispettivo rendimento.
Nella mentalità dei residenti, è dunque probabile che stia prendendo a generarsi un cambiamento radicale. Sarebbero in parecchi ormai a riconoscere che alla lunga non si prospera certo guardando soltanto alle proprie bottegucce senza neppure considerare la necessità di unirsi per creare una vera forza, sana ed efficiente ad ogni livello, mirata a un fine primario.  Migliorare lo stato dei vari settori che producono ricchezza.
Le imprese commerciali, le tradizionali attività marinare, le strutture ricettive la cui economia è regolata dal turismo hanno bisogno di organigrammi precisamente congegnati. Innanzi tutto un'associazione turistica, come regolarmente avviene senza eccezioni a livello nazionale in tutti i comprensori, da quelli maggiori fino ai più piccoli. Al momento non esiste manco una Pro Loco.

Eliporto di San Domino (foto C.L.Smoke)La ragione spietata delle suddette carenze deve essersi manifestata quale conseguenza dalla mentalità che ha predominato abitualmente sulle Isole, orientate sempre più a trasformarsi in piccolo mercato di stagione, senza alcun supporto intellettuale organizzativo.
Contestualmente alla partenza degli acquirenti, i mercanti hanno sempre chiuso bottega migrando pure loro per terre più confortevoli. Nessuno - meno di tutti chi regge le redini della carrozza pubblica – ha mai ritenuto conveniente un'azione mirata a indirizzi di rinnovate strategie. Non posso negare di essere stato più volte pervaso dal sospetto (forse un po’ troppo malizioso) che fosse proprio il potere politico a speculare sull’ignoranza, soffiando sulle tendenze più deteriori di una parte dell’elettorato. Certo sarebbe facile, per pura ipotesi, pilotare una comunità all'interno della quale ciascuno si limitasse a seguire gelosamente il proprio interesse, ignaro dell'esistenza di posizioni ben più ragionevoli e soprattutto molto meno dilanianti. L’errore fondamentale di tale ipotesi speculativa consiste tuttavia nell’omissione di un valore fondamentale, individuabile nella qualità stessa dei migliori cittadini. E’ il filone più ricco dal quale attingere in chiave di un futuro straordinario prodigo di rinnovato benessere.

Un sodalizio che raccogliesse tutte le attività interessate al turismo non è impossibile, né risulterebbe troppo costoso, se ciascuno contribuisse mese per mese, con importi di entità commisurata al giro d’affari e alle specifiche possibilità dell’azienda. Abbattere l'invidia, dunque, e con essa la maldicenza che ne è figlia primogenita. Siccome gli effetti deleteri di tali sentimenti negativi gioverebbero soltanto ad eventuali mire perverse di chi volesse fondarvi un potere sostenuto da graziose concessioni, la loro distruzione diviene così un'ulteriore necessità vitale, un imperativo sociale per la cittadinanza delle Isole Tremiti.  Ma nessuno pensi di essere più furbo degli altri. Ecco perché si profila più che mai reale il riemergere promettente della coscienza etica quale roccaforte del necessario impulso,  una bussola preziosa per indicare il cammino mirato a un futuro luminoso, quella luce splendida che accende in ogni angolo del mondo civile la speranza di costruire un ambiente ospitale per le generazioni a venire. In fondo, le strade capaci di favorire la costituzione di modelli sociali più evoluti fanno sempre capo al medesimo principio elementare. Lo prescrive senza mezzi termini la ragione: fare corpo unico, formare una forza veramente attiva, efficace, insuperabile forse, capace di rigettare i limiti dell'egoismo cieco. E' una concezione impossibile a edificarsi sull'invidia, pericoloso cancro la cui estensione patologica ha imperversato a lungo incontrastata nell'aura che avvolge le splendide Isole. E, mi si consenta il dubbio, al decremento lamentato per la qualità del clima e per la pulizia dell’ambiente potrebbe avere interagito il meccanismo strumentale di una speculazione mirata localizzabile in certa politica velenosa.  Secondo un mio personale intuito applicato a puntuale analisi sociologica, con la decadenza intellettuale a favore di certi meccanismi economici, si profilava nel recente passato la premonizione di un infausto sfacelo ambientale.
Lo spauracchio della speculazione edilizia, primo catalizzatore dell’eventuale degrado, pare tuttorSan Nicola: chiostro dell'Abbazia. (foto C.L.Smoke)a incombere con la minaccia d'infliggere un colpo definitivo all’equilibrio ambientale dell'arcipelago Tremitese. Si sono andati affievolendo, dopo l’attenzione primaria al bene incalcolabile della natura, anche lo zelo verso il patrimonio della storia e della tradizione culturale. Si vorrà comprendere il mio intento di ricondurre ogni osservazione basilare al medesimo contesto, nella certezza che questo costituisca il tesoro segreto delle Isole Tremiti. Qui non valgono più i capisaldi tradizionali del modello sociale, se rimangono avulsi dalla suddetta triade che comprende, oltre all’ambiente naturale con il clima, una storia densa nei contenuti profondi, e una ricca tradizione popolare. E' probabilmente una disattenzione metodologica del genere che rischierebbe nello specifico attuale di mettere sotto scacco la tradizione, l'ambiente, la sopravvivenza stessa degli ultimi rappresentanti di un mondo per molti versi ancora arcano, ricco di fascino e di messaggi coinvolgenti. Un pianeta immaginario dal quale ci sentiamo trascinati senza respiro verso un messaggio di rinnovamento spirituale, della scoperta, ma sempre attenti ai segnali dell'animo.

Ed è così che i luoghi monumentali della nostra madre terra - soprattutto gli autentici santuari della natura e della storia -, potrebbero risultare profanati non solo dalla distratta indifferenza dell'uomo comune, ma soprattutto dal cinismo imperante nella politica.

All'interno della politica stessa, pressoché ridotta a mestiere, abbiamo visto generarsi un progressivo detrimento, divenuto gradualmente insanabile. Lo ripeto da sempre: è andato purtroppo dissolto il contenuto etico del pensiero che rappresentava un tempo la prerogativa nobile dell'uomo pubblico, mentre nell'immaginario volgare abbiamo visto il termine "politica" ridursi al rango di una squallida parolaccia.  Ma si avvertono chiari, come ho detto sopra, tutti i sintomi del cambiamento. Attendiamone con fiducia gli effetti benefici, perché la parabola discendente pare ormai arrestata.  La gente si mostra sempre più decisa ad affrontare le emergenze descritte. Purtroppo l'Amministrazione municipale, cui attualmente  le Isole appartengono, negli ultimi tempi ha operato come diavolo preferiva. Lo stesso ex primo cittadino era parso in molti frangenti ragionare da proprietario di quelle terre la cui gestione gli venne affidata per una corretta riorganizzazione di tutte le emergenze connesse ai bisogni della popolazione. La realtà innegabile è un dato che sta sotto gli occhi di chiunque, provato di fatto sulla pelle dei residenti,. 

Chi non vivesse il dramma quotidiano della popolazione locale potrebbe stentare a comprendere ad esempio in quale tragedia si traduca un’eventuale penalizzazione circa la frequenza invernale dei collegamenti marittimi con la terraferma. Pare una storia d’altri tempi, eppure nell’anno di grazia 2011 la gente si vede ancora  oppressa dall'angoscia di una vita costretta negli angusti meandri della precarietà. I pochi residenti – quegli ammirevoli “eroi” che di recente ho voluto encomiare in un mio articolo - debbono tormentarsi quotidianamente nell’incertezza sull’arrivo del pane, dei viveri, della nave cisterna con l’acqua. Perché la fornitura idrica perviene ancora con la cisterna, dal momento che il dissalatore venne dismesso ormai alcuni anni addietro, appena costruito. Un altro scheletro nell’armadio comunale?

Il Comune, anziché porsi con coraggio ad affrontare le difficoltà più drammatiche, ha tirato a campare in qualche modo, fra una trasvolata e l’altra del Sindaco verso la Libia. Il solo “coraggio” che gli viene riconosciuto da qualche sbrigativo supporter consisterebbe nell’aver affermato più o meno: “meglio Gheddafi che Al Qaeda”. Una bestemmia inqualificabile, secondo il mio parere. Per il disbrigo delle incombenze di prammatica il Comune stesso ha stipulato contratti temporanei, limitati alla durata di qualche mese, allevando così precari piuttosto che costituire nuove opportunità d’impiego per i giovani residenti  che volessero accedere ai posti comunali tramite specifici concorsi pubblici. Le voci, probabilmente attendibili, che si sovrappongono in coro sono sempre le stesse: Anziché disperdere le risorse nella distribuzione di piccoli favori, sarebbe sacrosanto comporre il tessuto sociale in una visione articolata, un ragionevole progetto che si occupasse di riorganizzare l'arcipelago. Avrei osato sperare che l'amministrazione elaborasse un pensiero mirato con onestà intellettuale nella direzione suddetta, tanto da consentire ai residenti una vita migliore.

In conclusione, penso che la sola soluzione utile risiederebbe in un rinnovato assetto demografico capace di trattenere sul terreno delle isole la totalità dei residenti. Ciò comporterebbe anche l’interesse ad adeguare la ricettività, e quindi l’afflusso turistico, ad una piena continuità annuale. Non sono vuoti pensieri di prospettive inattuabili, ma possibilità concrete al cui realizzo necessitano soprattutto persone serie, amministratori responsabili e concreta volontà comune di sviluppo con amorevole riguardo alle umane aspirazioni, ai palpiti vitali, all’energia, al meraviglioso intelletto creativo della splendida realtà tremitese, intramontabile come la dimensione infinita dello spazio e del tempo.Il cambiamento auspicabile coinvolge in primo piano la tradizione, l'ambiente, la sopravvivenza stessa degli ultimi rappresentanti di un mondo sempre più ricco di fascino e di messaggi coinvolgenti. Il creato non consente ancora alla Terra di lasciar crescere in modo uniforme nel proprio contesto l'intero inventario del nostro mondo. Sotto lo stesso cielo troviamo sempre le riserve del patrimonio naturale, entro spazi straordinari le cui dimensioni devono essere così grandi che l'occhio vi si perde, ma l'immaginazione vi si ritrova.  E' questa meraviglia ad accompagnare in un'esistenza privilegiata la piccola comunità che popola le Isole Tremiti, sempre più immersa con l’animo nell’abbraccio dell’immensità marina.
In tale cumulo di sensazioni irrazionali lo spettatore sbigottito stenta ad ordinare un percorso attivo per la conoscenza e si ritrova così a vagare diviso fra realtà e suggestione, nell'aspirazione inesausta a rinvenire, fra reperti e frantumi, qualche simbolo ancora palpitante dell'armonia, del bello, dell'umanità. 

 

myNews.iT - Commenti  

 
# bell'articolo.. ....tremitese deluso 15-03-2011 alle ore 22:18
Complimenti per il bellissimo articolo.
Già solo la levatura culturale dello stesso farà desistere da commenti poco costruttivi e indirizzati al puro alimentare di polemiche.
Non penso che lei sia tremitese, ma è sicuramente un amante delle isole ed un conoscitore da anni degli isolani e delle problematiche dell'isola.
Ho letto numerosi suoi articoli e, pur non condividendone alcuni, sono convinto che la nuova amministrazione avrebbe bisogno di reali contributi di persone come lei.
Vista la sua conoscenza del luogo e delle persone nonchè della visione che ha delle necessità delle isole, perchè non pensa seriamente a contattare i candidati per un concreto e costruttivo lavoro di stesura di un programma politico, se non di partecipazione attiva?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maria Fata - Tremitese DocLe cinque isole 16-03-2011 alle ore 04:20
Complimenti per l'articolo, penso che abbia colto nel segno. Spero davvero con cuore che la popolazione rifletta e possa dare un nuovo corso di cose alle isole.Mi trovo d'accordo nella totalità di quello che ha scritto ma vorrei porre un accento sul concetto della scomodità delle isole nel periodo invernale.Penso che la vita sulle isole d'inverno non sia cosi disagiata come potrebbe sembrare, in quanto nonostante i vari problemi organizzativi e relativi ai trasporti, a mio parere vi è una qualità della vita altissima.
Non vi è inquinamento. Il clima è solitamente più mite della costa e la mancanza di fabbriche rende il cielo terso e l’aria pulita. E' vero che molti tremitesi lasciano le isole per comode case sul continente, ma è anche vero che molti di loro non hanno casa alle Tremiti, o la loro unica casa l'hanno dovuta sacrificare per l'attività estiva.
Se andiamo ad aggiungere i problemi occupazionali e la mancanza di assistenza sociale ci rendiamo conto di come sià difficile per giovani coppie vivere sulle isole anche d'inverno. Un programma occupazionale,d ei piani di edilizia residenziali non turistica (con vincoli di inalienabilità per scoraggiare la speculazione) e non quei 150000 metri quadrati di residence turistici del comparto, la attivazione di politiche sociali (sport, cultura, scuola, proloco), piani per la destagionalizza zione turistica, tutto ciò potrebbe servire a ricreare una vera comunità isolana. Queste, e tante altre, saranno le sfide che dovranno affrontare i futuri amministratori, se vorranno ricreare una comunità attiva.
Se l’idea è di farla diventare una terra di conquista per speculatori ed un paese fantasma d’inverno, allora siamo sulla strada giusta, quella corrente.Di nuovo complimenti all’autore
Luigi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
myNews.iT - Per questa Pubblicità chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Larino | 18 Aprile 2014

Agrario Larino, cosa ha fatto l'Amministrazione comunale? Parla il sindaco Notarangelo

LARINO - Cosa ha fatto l'Amministrazione Comunale per l'Agrario? Prima abbiamo ascoltato un'idea di scuola agraria, poi essa ha cominciato ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Molise | 18 Aprile 2014

Ok Giunta regionale a riordino settore artigiani

CAMPOBASSO - “La Giunta Regionale ha deliberato la proposta di Legge di riordino della disciplina ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 17 Aprile 2014

Termoli - Amiternina reti inviolate, si complica la corsa al secondo posto dei giallorossi

Galleria fotografica Termoli vs Amiternina TERMOLI - Una giornata uggiosa e ventosa accoglie il Termoli nella ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Termoli | 20 Marzo 2014

Fortissimo calo di turisti a febbraio. Scesi del 45,2% presenze

TERMOLI - Turisti in forte calo a febbraio a Termoli. Secondo i dati resi noti ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino