La tua area riservata. Per gestire Articoli, Annunci e Commenti
Scritto da Redazione    Sabato 11 Agosto 2012 11:33    Stampa
Omicidio di Padre Tedeschi, l'Ambasciatore La Tella acquisisce primi dati in Argentina
sottocosta - Cronaca Molise

BUENOS AIRES _ "Eppur si muove” avrebbe detto Galileo! Ed infatti l’Ambasciatore d’Italia in Argentina, Guido LA TELLA, si è rivolto al Consolato Generale Italiano in LA PLATA, per acquisire i primi elementi informativi tesi ad accertare i fatti riferiti all’assassinio del missionario salesiano jelsese Padre GIUSEPPE TEDESCHI avvenuto il 2 febbraio 1976 ad opera di formazioni paramilitari fasciste denominate “ squadroni della morte” che prepararono l’avvento della dittatura di VIDELA e si macchiarono di 30 mila omicidi nel decennio a cavallo tra gli anni settanta e gli anni ottanta.

Lo ha fatto sapere il Consigliere regionale del Pd Michele Petraroia. "Il sacerdote molisano giunse a Buenos Aires nel 1950 insieme ai fratelli e alla madre, aveva 16 anni e dopo gli studi seminariali gli venne assegnata prima una parrocchia a Mar del Plata da dove si trasferì a QUILMES, nella periferia della capitale argentina nel BARRIO di Villa Itati in cui vivevano decine di migliaia di poveri accalcati l’uno sull’altro, privi di servizi minimi, di cure, di scuola, di acqua, di pane e di lavoro _ ha ricordato Petraroia _. Giuseppe Tedeschi poteva andar via, poteva scegliere un’altra parrocchia, trasferirsi, scappare, allinearsi e fare carriera, ma non lo fece, rimase al fianco degli indios, degli immigrati, dei bimbi abbandonati e dei poveri. Insegnò loro a leggere e scrivere, li curò, gli insegnò il mestiere di falegname, li organizzò per far arrivare l’acqua e migliorare le condizioni del BARRIO – FAVELAS, lottò con loro, si mise contro il potere e per questi ideali donò la sua vita. Lo prelevarono in una sera buia, non oppose resistenza perché aveva sempre predicato la pace e la non violenza, e dopo qualche giorno venne rinvenuto cadavere, orribilmente massacrato ed irriconoscibile anche per i fratelli e per i suoi volontari".

Aveva 42 anni e non si era macchiato di alcun delitto, ma nessuno sporse denuncia per far aprire un’inchiesta, era troppa la paura di ritorsioni in Argentina e in Italia non ci si mobilitò, nemmeno dopo la denuncia di AMNESTY INTERNATIONAL. Sono trascorsi 36 anni e nessuno potrà restituire Padre Josè alla sua gente del Barrio di VILLA ITATI che continua ad amarlo come allora, ma per una questione di giustizia e verità si provi ad accertare i fatti e rintracciare i mandanti e gli esecutori di questo orribile crimine.

mySocial (condivi l'articolo sul tuo social preferito)
 
myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Cronaca

Cronaca Termoli | 23 Maggio 2017

In attesa del cartellone estivo e la “Pezza”...

TERMOLI - Lo scorrere inesorabile del tempo sta portando via anche il mese di Maggio e dell'inizio della stagione estiva ...

Altri Articoli: Cronaca Termoli, Cronaca Campomarino, Cronaca Montenero - Petacciato, Cronaca Tremiti, Cronaca Molise, Cronaca Larino

Politica

Politica Termoli | 23 Maggio 2017

Fatture acqua, disservizi e polemiche a Termoli

TERMOLI - L'addebito di bollette da parte della Crea, società che ha gestito fino a ...

Altri Articoli: Politica Termoli, Politica Campomarino, Politica Montenero - Petacciato, Politica Tremiti, Politica Molise, Politica Larino

Sport

Sport Termoli | 15 Maggio 2017

Termoli pallavolo, le ragazze della S1m One volano in serie C

TERMOLI - È serie C per le ragazze della Sim One allenate da Alfredo Mottola ...

Altri Articoli: Sport Termoli, Sport Campomarino, Sport Montenero - Petacciato, Sport Tremiti, Sport Molise, Sport Larino

Turismo

Turismo Termoli | 23 Maggio 2017

Sua eccellenza: l'enogastronomia molisana

TERMOLI  - Il Comune ha aderito alla manifestazione temporanea denominata "Molise Arti e Sapori", in ...

Altri Articoli: Turismo Termoli, Turismo Campomarino, Turismo Montenero - Petacciato, Turismo Tremiti, Turismo Molise, Turismo Larino